IV Biennale d’Arte del Metallo – Città di Gubbio

dal 12 agosto al 16 settembre 1967
IV Biennale d’Arte del Metallo – XII Premio Gubbio Mastro Giorgio
Gubbio, Convento di S. Francesco

STRALCIO DEL VERBALE SEZ. ARTISTICA E ARTIGIANALE ESPOSITORI SEZ. ARTISTICA
(Omissis) … Dopo un accurato ed obbiettivo esame di tutti i lavori, la Commissione ba ritenuto di escludere, complessivamente nelle due sezioni, n. 158 elaborati. La Commissione ha rilevato con viva soddisfazione l’ampiezza e il crescente buon livello della partecipazione alla sezione «artistica». I concorrenti hanno nel complesso dimostrato una più aperta coscienza dei problemi espressivi, dell’uso di nuove tecniche e di nuovi materiali, coscienza che la Giuria ha inteso sottolineare al di là delle diverse tendenze.
(Omissis) … la Commissione auspica che per la prossima «Biennale» debbano essere sollecitati ad intervenire, magari attraverso inviti e particolari sollecitazioni, gli artigiani del metallo delle varie regioni, capaci di fornire nuovi oggetti, nuove opere a dimostrazione della loro creatività che è nota, ma non ancora espressa sufficientemente nella manifestazione di Gubbio.

Struttura, 1966, ferro saldato cadmiato, cm 40x40x40, Ente Provinciale per il Turismo, Perugia (Premio acquisto alla IV Biennale del Metallo, Gubbio 1967)

La Commissione ha deciso quindi di assegnare i premi previsti per la sezione «artistica» nel modo seguente: 1° premio di L. 800.000, messo in palio dal Ministero per il Commercio con l’estero, ali’ unanimità a VALERIANO TRUBBIANI di Macerataper il complesso delle opere, riconoscendo la intensità creativa delle sue sculture, le quali si segnalano inoltre per la notevolissima qualità della lavorazione del metallo. La Commissione ba ritenuto opportuno unire il 2° premio con il 3° suddividendoli quindi in tre premi ex aequo di L. 150.000 ciascuno che ha deciso di assegnare a: SIMON BENETTON di Treviso per il complesso delle opere; ALFONSO LEONI di Faenza per il complesso delle opere ; LORENZO SGUANCI di Pesaro per l’opera «DUALITÀ».
Assegna quindi il 4° premio di L. 100.000 a GIORGIO BOMBA di Perugia per l’opera «OGGETTO»; il 5° premio, MEDAGLIA D’ORO DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBUCA a FUMAGALLI GENESIO di Pioltello ; il 6° premio, MEDAGLIA D’ORO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, a
IVO GIUBBILEI di Vasto; il 7° premio, MEDAGLIA D’ORO DELLA PRESIDENZA DEL SENATO DELLA REPUBBLICA a VITTORIO LUZIETTI di Senigallia; 8° premio, MEDAGLIA D’ ORO DEL MINISTRO DEL TURISMO E DELLO SPETTACOLO, a GALLI PAOLO di Perugia. Assegna inoltre dei premi non destinati a specifica sezione, la medaglia d’oro della Camera di Commercio di Roma a MATTIACCI ELISEO di Roma; il premio-acquisto dell’E. P. T. di Perugia di L. 75.000 a BORRELLI ANTONIO di Napoli per l’opera e «STRUTTURA». Riconosciuta la notevole qualità delle opere presentate dallo scultore peruviano (attivo a Roma) JOAQUIN ROCA-REY, vista l’impossibilità di considerarle per I’assegnazione dei premi generali giacchè il regolamento della IV Biennale del Metallo prevede soltanto una sezione dedicata ad «opere di artisti italiani» , propone di assegnargli una medaglia d’oro della Città di Gubbio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su